Piano Annuale delle ricerche


Vai ai contenuti

Menu principale:


Analisi a differente scala spazio-temporale di processi ecosistemici

ECOLOGIA APPLICATA, CONSERVAZIONE E MONITORAGGIO DELLA BIODIVERSITA' 2

Area di Ricerca: Ecologia

Laboratorio e Responsabile Scientifico: Ecologia Funzionale, Prof. Fausto Manes

Titolo della Linea di Ricerca: Analisi a differente scala spazio-temporale di processi ecosistemici.

Partecipanti: Fausto Manes, Marcello Vitale, Elisabetta Salvatori, Francesca Capogna, Silvia Anselmi, Simone Mereu, Daniele Biscontini, Camilla Serafini, Mario Di Traglia.

Ricerca nuova: Proseguimento di ricerca: x

Responsabile scientifico della Linea di Ricerca: Fausto Manes, Professore Ordinario, 06/49912448, fausto.manes@uniroma1.it

Settori Scientifico-Disciplinari interessati dal programma di ricerca: BIO 07

Parole chiave: Struttura e funzione di ecosistemi mediterranei; analisi fisionomico-strutturale della vegetazione; cambiamenti globali (climatico, frammentazione di habitat, biodiversità, inquinamento atmosferico); indici di vegetazione telerilevati.

Breve descrizione della Linea di Ricerca:

Il notevole impatto che le attività antropiche esercitano sul territorio, particolarmente elevato nell’area del Bacino del Mediterraneo, determina dei cambiamenti a volte anche rapidi del paesaggio vegetale, influenzando, tra l’altro, il livello di biodiversità e i processi dinamici che caratterizzano le comunità vegetali. L’integrazione di dati acquisiti a differente scala spazio-temporale può consentire di caratterizzare la potenziale produttività di un ecosistema e sviluppare modelli per condurre un’azione di monitoraggio rivolta anche ad un più efficace intervento gestionale.
L’obiettivo è quello di caratterizzare alcuni processi funzionali in relazione a stress ambientali, sia naturali che antropici, mediante l’integrazione di dati ecofisiologici, analisi strutturali di campo ed elaborazioni di immagini satellitari. Le misure in campo riguardano analisi ecofisiologiche e di PAI, affiancate da elaborazioni di immagini telerilevati e dalla applicazione di metodologie geostatistiche (Kriging, Co-Kriging) e di modelli di processo.
I risultati ottenuti per gli ecosistemi mediterranei analizzati, evidenziano l’impatto dovuto a fattori di stress di tipo naturale, sia biotico che abiotico, e le alterazioni determinate dall’impatto antropico di origine locale e globale. Attraverso l’analisi di dati telerilevati è stato possibile ottenere un’informazione multidimensionale del paesaggio: orizzontale, verticale, multispettrale e multitemporale. I dati sulla struttura orizzontale della copertura vegetale e i processi funzionali ad essa correlati hanno consentito di valutare e monitorare la risposta della vegetazione a fattori di stress in area mediterranea.

Tipologia di Finanziamento della Linea di Ricerca: Università “Sapienza”, Ministero Ambiente.

Pubblicazioni inerenti la Linea di Ricerca:

ALLEGRINI A, ANSELMI S, CAVALLI R.M, MANES F., PIGNATTI S. (2006). Multiscale integration of satellite. airborne and field data for Mediterranean vegetation studies in the natural area of Castelporziano Estate (Rome). ANNALS OF GEOPHYSICS. vol. 49, pp. 167-176 ISSN: 1593-5213
ANSELMI S. CHIESI M., GIANNINI M., MANES F., MASELLI F. (2004). Estimation of Mediterranean forest transpiration and photosynthesis through the use of an ecosystem simulation model driven by remotely sensed data. GLOBAL ECOLOGY AND BIOGEOGRAPHY. vol. 13, pp. 371-380 ISSN: 1466-822X.
ANSELMI S., GIANNINI M., ALLEGRINI A., MANES F. (in stampa). Nine years' monitoring of structural and functional indices in natural and urban areas. Second international Workshop on the Analysis of Multi-temporal Remote Sensing I. 16-18 July ?. IN STAMPA.
Manes F., Anselmi S., Salvatori E. (2004) – Studio di caratteristiche strutturali e funzionali della foresta del Parco Nazionale del Circeo. In: Zerunian S. (Ed), Habitat, Flora e Fauna del Parco Nazionale del Circeo, pp 31-52.

Carta fisionomico-strutturale della vegetazione della Foresta Demaniale e del Promontorio del Parco Nazionale del Circeo.

Relazione tra PAI misurato in campo e PAI stimato mediante la relazione con l'NDVI (p<0.001), per la vegetazione della Foresta Demaniale e del Promontorio del Parco Nazionale del Circeo.

Strumento LAI-2000 Plant Canopy Analizer per le misure di PAI in campo


Torna ai contenuti | Torna al menu