Piano Annuale delle ricerche


Vai ai contenuti

Menu principale:


Caratterizzazione ecologica e assetto fitogeografico dei lembi residuali di vegetazione di torbiera ..

ECOLOGIA & SCIENZA DELLA VEGETAZIONE 2

Area di Ricerca: Geobotanica, Scienza della Vegetazione

Laboratorio e Responsabile Scientifico: Laboratorio di Fitogeografia Responsabile Prof. Francesco Spada

Titolo della Linea di Ricerca: Caratterizzazione ecologica e assetto fitogeografico dei lembi residuali di vegetazione di torbiera in Italia peninsulare

Partecipanti: Prof. Francesco Spada, Dott.ssa Laura Casella e Dott.Emiliano Agrillo

Ricerca nuova: Proseguimento di ricerca: X

Responsabile scientifico della Linea di Ricerca: Francesco Spada, Professore associato, Tel e FAX 06 49917133, francesco.spada@uniroma1.it

Settori Scientifico-Disciplinari interessati dal programma di ricerca: BIO/03

Parole chiave: Fitogeografia, Sinecologia, Torbiere, Isole Galleggianti

Breve descrizione della Linea di Ricerca:

La definizione e delimitazione dell’ecosistema di torbiera sono largamente basate su modelli floristici, cenologici ed ecologici di impronta decisamente centro- e nordeuropea. Nondimeno la penisola italiana presenta lembi residui di popolazioni di specie o di aggregazioni che pur suggerendo legami con analoghi delle regioni boreali, sembra deporre a favore di una origine e genesi del popolamento vegetale di queste aree umide alquanto differenziato da tali modelli. La documentazione storica sull’annientamento subrecente di nuclei di torbiera in territorio appenninico, accanto all’enfasi posta dalle direttive comunitarie sulla loro conservazione, ha portato all’interesse a produrre un censimento congruo con i risultati di una ricerca fitogeografica basata sulla identificazione di quelle vicende pregresse del popolamento vegetale, che avessero portato le specie di torbiera ad occupare le sedi attuali nella penisola. La metodologia ha utilizzato metodi di analisi quantitativa della distribuzione a scala geografica europea e nazionale di aliquote di specie estratte da liste ufficiali (specie di torbiera secondo International Mires Conservation Group). Lo studio di fattori limitanti e processi è stato focalizzato su alcuni siti peninsulari particolarmente emblematici, con particolare attenzione ai siti censiti dalla comunità europea (Rete Natura 2000), nei quali sono state studiate le relazioni fra la composizione floristica e caratteristiche limitanti dell’ambiente fisico. La ricerca ha portato alla proposizione di un modello innovativo di genesi del popolamento di torbiera del territorio peninsulare evidenziando relazioni a causali con inaspettate fasi delle vicende climatiche dell’ultimo ciclo glaciale.



Pubblicazioni inerenti la Linea di Ricerca:

Casella L., Spada F., Agrillo E. Hydrological gradients and vegetation changes in the catchment of Lake Fibreno. The Floating Island. Annali di Botanica, Roma, in stampa.

Casella L., Spada F., Agrillo E. A quantitative approach to the phytogeography of mire species in the Italian Peninsula. Proceedings del IV Balkan Botanical Congress, Sofia, in stampa.

Casella L., Spada F., Agrillo E. Relic mires in peninsular Italy and Natura 2000. Annali di Botanica, Roma, in stampa.

Di Vito V., Mastrantuono L., Casella L., Agrillo E., 2005. Invertebrate fauna, aquatic vegetation and physico-chemical characteristics of a lotic-lentic system in a Nature Reserve (Lake Fibreno, Italy). Proceedings del 4° Symposium for European Freshwater Sciences, Cracovia, Polonia.


Torna ai contenuti | Torna al menu