Piano Annuale delle ricerche


Vai ai contenuti

Menu principale:


Impiego di polisaccaridi prodotti da Basidiomiceti

FISIOLOGIA VEGETALE, PATOLOGIA, BIOCHIMICA VEGETALE

Area di Ricerca: Patologia Vegetale

Laboratorio di Patologia Vegetale, Corrado Fanelli

Titolo della linea di Ricerca: IMPIEGO DI POLISACCARIDI PRODOTTI DA BASIDIOMOCETI NEL CONTROLLO DELLA PRODUZIONE DI MICOTOSSINE IN ALIMENTI DESTINATI AL CONSUMO ANIMALE

Partecipanti: Corrado Fanelli
Anna Adele Fabbri
Massimo Reverberi
Nicoletta Di Sotto
Slaven Zjalic
Chiara Di Meo

Ricerca Nuova X

Responsabile scientifico della Linea di Ricerca: Corrado Fanelli, professore ordinario, 06 4991 7137, 06 4991 7136; corrado.fanelli@uniroma1.it

Settori Scientifico-Disciplinari interessati dal programma di ricerca: AGR12

Parole Chiave: Micotossine, Basidiomiceti, glucani, polisaccaridi

Breve descrizione della Ricerca

La lotta allo sviluppo di micotossine nelle derrate alimentari destinate all’uso umano ed animale sono in atto da una quarantina di anni senza però aver acquisito soluzioni risolutive. Da alcuni anni è stata evidenziata la capacità di estratti miceliari e filtrati colturali di alcuni funghi basidiomiceti eduli e non tossici di controllare sia lo sviluppo di alcuni funghi tossigeni che la produzione di aflatossine e ocratossina A ( Fanelli e coll., 2000, 2004; Ricelli e coll. 2002; Reverberi e coll. 2005; Zjalic e coll. 2006a). Il meccanismo di inibizione sembra essere collegato al contenuto di polisaccaridi, in particolare di b-D-glucani, nei filtrati e negli estratti di basidiomiceti (Reverberi e coll., 2005).

Queste molecole si sono dimostrate capaci anche di proteggere il fegato degli animali dagli effetti dannosi delle aflatossine e di diminuire la loro azione tossica (Baptista e coll., 2004. Altri studi hanno evidenziato, inoltre, che i polisaccaridi fungini proteggono il DNA dalla azione mutagena delle aflatossine (Sun e coll., 2004). I risultati incoraggianti, ma preliminari, ottenuti con impiego di miceli, estratti e/o filtrati colturali di Trametes versicolor addizionati ai semi di grano e mais suggeriscono la possibilità di un loro uso in mangimistica (Zjalic e coll., 2006a). L’obiettivo di questa proposta progettuale è quello di migliorare la salubrità dei mangimi destinati all’alimentazione animale, utilizzando composti derivati da funghi basidiomiceti (T. versicolor) che potrebbero esplicare un’azione positiva sia sul benessere degli animali che inibire la produzione di micotossine.

Tipologia di Finanziamento della linea di ricerca: Finanziamento della FILAS, finanziaria della Regione Lazio.

Pubblicazioni:

Zjalic, S., Reverberi M., Ricelli A., Granito V.M., Fanelli C., Fabbri A.A. (2006). Trametes versicolor: a possibile tool for aflatoxin control. Intern. J. Food Microbiol. 107: 243-249.
Zjalic S. Reverberi M., Ricelli A., Fabbri A.A., Fanelli C. (2007). Medicinal mushrooms. In: Microbial Biotechnology in Horticulture, vol.III. Remesh Chadra Ray. and Owen P. Ward (eds), Scientific Publication Press, New Hampshire USA. 299-345.



Trametes versicolor (L.:Fr.) Pilat, basidiomicete utilizzato in questa ricerca.



Torna ai contenuti | Torna al menu